Marta Tenaglia interpreta Wish You Were Gay di Billie Eilish per il progetto Prospettiva (Puntata 4)

<iframe width="100%" height="166" scrolling="no" frameborder="no" allow="autoplay" src="https://w.soundcloud.com/player/?url=https%3A//api.soundcloud.com/tracks/840185545%3Fsecret_token%3Ds-P1n2CFqizol&color=%23ff5500&auto_play=false&hide_related=false&show_comments=true&show_user=true&show_reposts=false&show_teaser=true"></iframe><div style="font-size: 10px; color: #cccccc;line-break: anywhere;word-break: normal;overflow: hidden;white-space: nowrap;text-overflow: ellipsis; font-family: Interstate,Lucida Grande,Lucida Sans Unicode,Lucida Sans,Garuda,Verdana,Tahoma,sans-serif;font-weight: 100;"><a href="https://soundcloud.com/tarta-menaglia" title="Marta Tenaglia" target="_blank" style="color: #cccccc; text-decoration: none;">Marta Tenaglia</a> · <a href="https://soundcloud.com/tarta-menaglia/mod-wywg-billie-eilish-cover/s-P1n2CFqizol" title="Wish you were gay (Billie Eilish cover - Prospettiva 4/4)" target="_blank" style="color: #cccccc; text-decoration: none;">Wish you were gay (Billie Eilish cover - Prospettiva 4/4)</a></div>

Rieccoci con Prospettiva, il progetto attraverso il quale stiamo conoscendo e apprezzando la musica di Marta Tenaglia, talentuosa cantautrice nu-soul al lavoro sul suo primo disco.


In questa quarta puntata il podcast, intitolato La parte sbagliata della domanda e la sete, ospita Gaia Ponzoni (1977) e Ilenia Lando (The Orchard).


Il quarto e ultimo brano dell'operazione è Wish You Were Gay di Billie Eilish, volo pindarico tra pensieri, illusioni e desideri di Marta tra stanze interiori e architetture emotive costruite attorno a domande fatte a se stessi, a volte semplicemente mal poste.


Buon ascolto!


Progetto grafico a cura di Veronica Moglia



"Rifletto sempre tanto sulle cose, mi faccio mille domande e grazie a queste esploro tutti i possibili spazi di me e trovo nuove stanze. A volte però sono dalla parte sbagliata della domanda, e sbatto contro un muro senza porte, all’infinito, e ad ogni colpo fa più male, e ad ogni colpo ho sempre più sete. Perché ho sempre così sete? Che cos’è che cerco? Ho deciso che non voglio farlo più e ho imparato a riconoscere il suono che fa il mio corpo quando rimbalza contro questo muro cieco; è quasi impercettibile, un ronzio di sottofondo, una bugia eterna. Mi dice ‘’è colpa tua’’. L’amore non si elemosina, mai. "

- Marta Tenaglia

  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter